Nozioni di teoria musicale-LEZIONI DI TROMBA

Nozioni di teoria musicale



 

                 BREVI NOZIONI DI TEORIA MUSICALE
 

Le note musicali sono sette ed hanno i seguenti nomi:

DO RE MI FA SOL LA SI


Vengono segnate sul rigo musicale o pentagramma,
formato da cinque linee orizzontali e da quattro spazi.

 

RIGO MUSICALE O PENTAGRAMMA




Le note sono poi divise dalle battute, o misure, che consistono nello spazio compreso fra due linee verticali.

BATTUTE: spazio tra una linea e l'altra si chiama battuta o misura:



La chiave di violino è un segno che si mette all’inizio del rigo musicale e determina il nome delle note.

Dopo la chiave di violino, posta all’inizio del rigo musicale, viene indicato il tempo.

Il più usato è il 4/4, che viene anche scritto con una semplice (C) in cui si deve contare fino a 4 (conta 1 2 3 4).

La durata della battuta viene indicata dal 4/4, subito dopo la chiave di violino.
 

Le figure musicali sono sette:


SEMIBREVE, MINIMA, SEMIMINIMA, CROMA, SEMICROMA, BISCROMA E SEMIBISCROMA.

Si chiama figura musicale la diversa grafia con cui si scrive la nota, grazie alla quale possiamo indicare la durata dei suoni, cioè stabilire quanto un suono deve essere lungo o breve.

Partiamo dalla semibreve:

SEMIBREVE


che rappresenta l’intero e somiglia ad una “ O “ e ha il valore di 4 movimenti, quindi bisogna contare fino a 4 (1 2 3 4).

Se dividiamo l’intero (vale a dire la semibreve) a metà otteniamo la minima.

MINIMA

Per fare l’intero ci vogliono due metà, quindi per fare una semibreve ci vogliono due minime. Perciò contiamo 1 e 2 per una minima e 3 e 4 per l’altra minima,che sommate fanno 4, cioè il valore dell’intero.


Dividiamo ora l’intero in quattro parti che equivalgono a quattro semiminime; per fare una semibreve occorrono quattro semiminime.

SEMIMINIMA


La lettura delle figure musicali si chiama lettura ritmica e va svolta in questo modo: è necessario portare un tempo costante battendo, ad esempio, la mano su un tavolo:



La semibreve prenderà quattro battiti (tempi) e si leggerà “TA-A-A-A”

La minima ne prenderà due (TA-A)

La semiminima uno (TA)


Qui di seguito è rappresentato uno schema con le figure musicali e le relative pause (che hanno lo stesso valore delle figure corrispondenti):


la semibreve ha il valore di 4 movimenti
la minima ha il valore di 2 movimenti 2+2= 4movimenti = 4
la semiminima ha il valore di 1 movimento 1+1+1+1=4


Se contiamo ora i suoni ne troviamo 12: i sette naturali (DO-RE-MI-FA-SOL-LA-SI) più altri cinque alterati

Ovviamente su uno spartito musicale si possono trovare note alterate che ci indicano di suonare i corrispondenti semitoni.
I segni delle alterazioni sono questi:

 

Il diesis # aumenta di un semitono il suono naturale
Il
bemolle b abbassa di un semitono il suono naturale.


Per indicare che il suono alterato deve tornare allo stato naturale si usa questo simbolo: il bequadro


 

 

 

 

 

 

Copyright © 2018 www.lezioniditromba.it                                                                                                                                                                                            domenico.ciamarra@libero.it

Facebook